What Lies Behind Us
And What Lies Before Us
Are Small Matters
Compared to What Lies Within Us
– Ralph Waldo Emerson

La tentazione, da giovani, è nutrirsi di illusioni. Ogni trucco va bene: assumere identità, invadere comunità, mimetizzare la propria inadeguatezza, immergersi in mondi virtuali, eccetto che in qualunque dimensione alternativa sempre lo stesso patrimonio si porta, quello di una energia priva di direzione, che nel caso dei giovani è spesso una grande energia. Non ci sono crimini peggiori che guidare sé stessi su strade di fantasia e di distruttiva menzogna: l’immediato risultato è una separazione da sé stessi, la cessazione di qualunque forma di nutrimento che sia degna, appunto, di sé.

E’ sempre una questione di bilancio preventivo: una buona educazione implica sempre la protezione dell’investimento. Il patrimonio energetico che ereditiamo dai nostri genitori, che si sono lanciati nel più impegnativo degli azzardi, va investito e tutelato, impiegato in modo sensato attraverso quella che è la nostra nozione del mondo, l’ambiente di apprendimento, crescita e sviluppo che consideriamo proprio. I risultati si misurano instantaneamente: ciò che porta energia è reale, ciò che la toglie è illusorio.

Alcuni di noi, da giovani, possiedono già un patrimonio notevole: la lucidità, la capacità mnemonica, l’empatia naturale e sono inclinati verso l’investigazione dell’ambiente naturale o culturale. Una attrezzatura di questo tipo è perfettamente sufficiente per abitare una dimensione di reale opportunità. Se consideriamo il nostro scopo imparare, apprendere cioè le nozioni pratiche di interazione e relazione con il cibo, con i nostri simili e con l’ambiente nel suo insieme, questi strumenti vanno affinati, compensati, completati.

La sapienza che deriva dalla abitazione di un ambiente naturale e culturale, in termini di realtà e non di illusione, è perfettamente sufficiente, nel tempo, per la costruzione di un essere umano adatto. In pratica, qualunque educazione consiste soltanto di chiarezza nella percezione dell’ambiente, di forza per mantenere la posizione e di intelligenza con i vicini. Una buona educazione, attraverso la quale l’illusione è sempre percepibile e distinguibile, permette in sè una evoluzione estremamente pratica di pensiero e azione.