A good pro is reliable, repeatable, responsible (ie accepting the repercussions of their actions) & response-able – dealing with arising situations & thinking on their feet in the moment. They know what they’re doing. But this is not enough. How to step outside the machinery & our awareness of the machinery? It is not possible to direct the machinery unless we are outside it to some extent. RF

La domanda, di fronte a questo mutevole cielo incandescente di primavera, quella che faccio serenamente a me stesso mentre bevo il mio caffè è: quanto sono consapevole della mia responsabilità nello stato della mia vita? E quindi: quanto corrisponde ai miei desideri passati la mia condizione attuale? La risposta alla prima domanda è: solo parzialmente. Alla seconda domanda rispondo: del tutto.

Tratto fondamentale dell’approccio creativo al mondo è la veggenza. L’intero scopo dell’educazione, della disciplina e del mantenimento della forma ideale sia fisica che mentale è la corretta visione. Il nostro modo di guardare il mondo deve essere imparziale, completo, pulito. Non che possiamo simulare una visione, non che dobbiamo vergognarci troppo della sua mancanza, senza una visione chiara dovremmo ascoltare molto più che parlare.

Tratto fondamentale dell’approccio malevolo alla vita è la stupidità, la condizione nella quale danneggiare la vita non produce nessun vantaggio. Si tratta però di una stupidità colpevole, tanto vana quanto accettata, ed è in questa accettazione che sta tutta la colpa. Gli umani provano rimorso e vergogna per aver considerato accettabile la propria stupidità. Non dovrebbero provare questi sentimenti in nessun altro caso.

Accettare le proprie responsabilità non è facilissimo, specie nella fase in cui dobbiamo vederle, queste responsabilità. Ci sono eventi per i quali non abbiamo nessuna responsabilità, altri in cui il nostro gesto genera ripercussioni non misurabili. Dobbiamo eliminare qualunque confusione a questo livello: forse il primo passo è proprio smettere di assumerci responsabilità che non abbiamo, per poter sostenere quelle che invece ci appartengono.