31 agosto 2005

Galleggio nel disorientamento e nel torpore, mentre la parte più svantaggiosa dell’anno si avvia a naturale conclusione. Sono piuttosto soddisfatto dei miei tentativi, ridottissimi, di dialogo e misura, come se ci fosse ancora qualcosa da chiarire attraverso gli occhi, e le orecchie, di un’altro. Mentre l’opzione di villeggiature sfuma all’orizzonte mi chiedo sempre di più come misurarmi con l’inconsistente percezione di sé stessa che ha la donna che amo, ma i bimbi che hanno deciso di raggiungermi in questa vita sono l’unica vera fonte di informazione estetica di cui ho bisogno. Mi farebbe così tanto piacere che ci fosse una maggiore corrispondenza con le persone che incontro ogni giorno, ma non sono mai stato in una situazione più favorevole a ciò di cui realmente ho bisogno.

31 agosto 2004

Probabilmente il piu’ grande piacere in questo momento della mia vita, anche un po’ paradossalmente, sta nella rinnovata possibilita’, da sempre il gioiello dei momenti migliori, di restare per ore immerso nel silenzio, senza particolari obblighi ad incontrare qualcuno. In senso terapeutico nulla ha mai potuto consolarmi di piu’, in senso patogenico, nulla mi ha spinto maggiormente verso la condizione di isolamento piu’ pericolosa per il mio equilibrio sociale, ce ne fosse uno.

Ma il sentimento che provo uscendo dall’ufficio, da dove a dire il vero ho tentato di sentire sia Giuliana che Gabriella, non e’ affatto spiacevole, occorrerebbe una certa alternanza di stato che non riesco a trovare. Breve, molto breve, la mia telefonata a Stefania, sempre preoccupata per l’inutilita’ del suo ufficio, non riesce a stare tranquilla e ha bisogno di sfogarsi un po’ ma e’ sempre molto gradevole ed intelligente.

31 agosto 2003

The same act in different worlds is an entirely different act, with entirely different repercussion.

31 agosto 2002

Le giornate ci scorrono di mano mentre siamo così incapaci di prendere iniziative. Mi sento come se il tempo si ripetesse, invece di scorrere, e le mutazioni si sospendessero, per interminabili ore. È questo che mi riporterà a lavorare in modo molto più solido e determinato? Spero davvero di si, qualche volta.