10 marzo 2004

Mastery acts on what is below.

Artistry submits to what is above.

Attraverso moti di disperazione, chiusura, terrore altrui, mi trovo a passare, e la mancata consapevolezza dei soggetti percettori nulla toglie alla realta’ di cio’ che vedo. Come sono arrivato qui’? e’ stata una distrazione o un movimento troppo lento per essere visto? Ho chiesto qualcosa che mi e’ stata data, oppure sono questi i risultati della mia assenza dal mondo? Alla fine della giornata, pur essendo affaticato soprattutto ai reni, non ho affatto la sensazione che la responsabilita’ di questo modo di vedere sia tutta mia. Mi trovo piuttosto a chiedermi quale sia il prossimo fotogramma, perche’ di qualcosa di colossale si tratta ma riesco a vederlo solo un fotogramma alla volta. Della mia eccessiva lentenza, e certamente stupidita’, sono consapevole. Ma degli atti per cui devo provare rimorso, continuo ad essere completamente all’oscuro: rivedo le persone da cui mi sono sentito e continuo a sentirmi accusato, e non mi suggeriscono nulla. Forse puzzo, certo queste sono convinte di vedere chiara, in me, una disposizione criminale, della quale, a loro modo di vedere, sicuramente mi vanto.

Nessun sistema di percezione comune nella mia esperienza, di questo si tratta in fondo, e non sono troppo preoccupato. Manca la normale, gradevole serenita’ che avevo fino a dicembre, manca un metro utilizzabile per chiarire a me stesso quali siano le mie stesse necessita’. Ma sta arrivando. Intanto, sotto con il montaggio video, flashback, narrazioni, mentre la seconda realta’ sente la mia mancanza.

Da un passato non molto remoto:

A sense of something from this morning, and please forgive me for this: it’s too much to say, but A very high level of benevolent intelligence provides a circle of protection around the earth. Were this circle of protection to be withdrawn, terrible things would happen.

10 marzo 2003

The difficulty with knowing what you do, is that you do what you know. And that’s not interesting. So, within certain structures which are given and certain parameters which are defined, you then proceed hoping you are able to play what you don’t know, or do what you don’t know – trusting the process.

Le migliori giornate della mia vita sono trascorse a prendermi il mio tempo, una esperienza che nonostante le apparenze continua ad essere nuova. Il mio unico desiderio è immergermi nel mio tempo, gustarlo mentre ci giro intorno. Forse è difficile non fare nulla quando non c’è nulla da fare, ma spero di poter vivere così per sempre.

10 marzo 2002

Una splendida camminata nel parco, a Miramare, che speciale privilegio è vivere in una città così ricca e splendente. La domanda del giorno è: quale è il terzo elemento che ci spinge verso la Vita, dopo la Volontà e l’Intelligenza? Io credo che sia il Desiderio, credo che questo sia il terzo polo Erotico, credo che non sia sufficiente a lungo ma finchè è presente noi muoviamo verso la Vita. Entusiasmo e Curiosità sono punti forti ma secondari, passerò il resto della giornata a cercarne altri. Intanto ne approfitto per mettere in ordine affermazioni coesive che ho fatto in tempi e situazioni differenti:
– Il Desiderio che personalmente considero sensibile non ha nulla a che vedere con la lussuria, non è implicitamente perverso, o maniacale.
– Il fatto che il mio corpo sia anche molto chiaramente disposto alle relazioni sessuali non significa affatto che io sia in balia di una eccitazione superficiale.
– Il vigore fisico, lungi dall’essere segno di carnalità e bassezza di intenti, è una formidabile indicazione della presenza di energie terrestri di qualità opportuna alla vita sulla terra, appunto.
– La presenza di queste energie, nell’aria, nella mente, nel corpo, dovrebbe essere leggibile e correttamente interpretata da altre persone, e quindi queste persone dovrebbero essere parte dello stesso Desiderio.
– La presenza dell’autentico Desiderio è definita dalla qualità eterea che può venir portata alla vita, e deve corrispondere al naturale evolvere, di ciò che era sottilmente separato, verso l’unione.